NEWS

Come abbinare Cibi e Bevande?

Quante volte ci è capitato di preparare un menù con cura per una cena con gli amici e poi trovarci di fronte alla fatidica scelta del vino o delle bevande da abbinarci ed essere terribilmente in dubbio?
Allora vediamo le tre principali tecniche per abbinare correttamente una pietanza ad vino, una birra o ad un cocktail!

La prima cosa da fare è capire quali saranno le caratteristiche principali del nostro piatto: se ci sono delle parti che lo connotano più acido, più strutturato, più dolce o sapido.
Una volta stabilita la propensione generale del nostro piatto, possiamo muoverci su tre livelli, ovvero:

• Per analogia, ovvero abbinare una bevanda che abbia le stesse caratteristiche del piatto, l’esempio più immediato è quando insieme al dolce si abbina un moscato.

• Per compensazione, ovvero la bevanda dovrebbe andare a sopperire alle mancanze del piatto, per esempio se abbiamo un piatto molto saporito e sapido, magari andrebbe bene una bevanda più acida che bilanci l’equilibrio in bocca: la bevanda qui deve essere complementare alla pietanza. Tuttavia questa teoria non è sempre applicabile, in quanto a volte delle sensazioni tattili se troppo fronteggiate, rischiano di non creare armonia, ma addirittura conferiscono una sensazione di slegatura.
In generale, le sensazioni che si contrappongono sono:
• Grassezza, tendenza dolce vs sapidità e acidità;
• Succulenza, untuosità vs alcolicità e tannicità;
• Sapidità vs morbidezza.


• Per territorialità e stagionalità, ovvero andando a considerare delle bevande e dei cibi tipici di una regione e/o di una stagione, come per esempio il binomio classico Fiorenina-Chianti.

Poi ci sono casi particolari in cui vanno tenute a mente alcune particolarità, quali:
– Nell’abbinamento cibo-birra è utile accostare due elementi che abbiano pare vigore per non far sì che uno soccomba all’altro e sempre in ordine crescente di tenore alcolico.

L’abbinamento tra cibo e bevande è il modo migliore per creare un perfetto bilanciamento tra sensazioni organolettiche e tattili che vengono percepite all’interno del nostro palato. Queste diverse combinazioni ci permettono di esaltare alcune peculiarità specifiche e di smorzarne altre, facendoci apprezzare il pasto non come un semplice nutrimento, ma come un vero e proprio momento di piacere e soddisfazione. Una delle regole fondamentali per arricchire questa esperienza è che i sapori del cibo e della bevanda non devono prevalere l’uno sull’altro.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

Vino

Vino: l’estate è un calice di felicità

Giugno è il mese che molti di voi attendono con tante aspettative. Inizia la scalata verso il periodo più proficuo ed impegnativo di tutto l’anno. Si...

Birre

Birra: bevi come un Toro!

Maggio è ufficialmente il mese che apre le porte alla stagione più movimentata di tutto l’anno. Le giornate si allungano, gli aperitivi e le cene in...

Spirits

Spirits: una Milano da bere!

Si sente spesso parlare di “Milano da bere!”. Un’espressione utilizzata molto dai giornali ma, in realtà, diventata famosa grazie al celebre spot pubblicitario dell’amaro italiano del...

Pasqua Vino

Vino: Pasqua con chi vuoi

Come dice il detto “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”. È proprio vero, infatti secondo uno studio di mercato del settore Horeca, alla festa...

Birre Carnevale

Birra: a Carnevale ogni Vertiga vale

Si avvicina il periodo più divertente dell’anno, il Carnevale. Feste di strada pubbliche e altri divertimenti, che combinano alcuni elementi di un circo. E quale può...

Spirits

Gin: pizza e gin, una coppia vincente

Cari amici, benvenuti nel nuovo anno. È bene iniziare con il piede giusto il 2024, con tanti nuovi obiettivi, proposte, ricerche e buoni propositi. Il mese...